Ritrovamenti

Capita di uscire un sabato sera , scordarsi in quale piano si è parcheggiato la macchina e scoprire queste meraviglie abbandonate ….

Chissà di chi saranno, e perchè sono li ferme da anni,  .certo è che è un peccato

 

Il ” RADAR” questo sconosciuto

Il radar detto anche Roadbook , è molto spesso legato al mondo delle auto d’epoca e nello specifico a quello delle gare di regolarità .

Come funziona a grandi linea una gara di regolarità ?

Ai partecipanti viene dato un percorso da seguire , dove all’interno dello stesso sono solitamente previsti dei controlli a timbro , in buona sostanza devi passare in quel posto a quel determinato orario .

Sempre all’interno del percorso sono poi previste le prove di regolarità , cioè  andare dal punto a al punto b e dal punto c al punto d e cosi via in un determinato tempo  al decimo di secondo !! Le auto passano sopra dei pressostati ed in automatico parte il cronometro , solitamente la distanza dal punto a al punto b è una decina di metri .

Se nei controlli a timbro la tolleranza è del secondo  ,  nelle specifiche prove di regolarità la tolleranza è del centesimo di secondo  !

Per poter arrivare ai controlli a timbro e alle relative prove di precisione , come già detto viene assegnato un percorso da seguire e tracciato appunto su un “RADAR” o “ROADBOOK” dove tramite indicazioni kilometriche , descrittive e visive (appositi disegni/ Simboli)    il pilota con l’aiuto fondamentale del navigatore può intercettare le prove senza il rischio di perdersi .

Questi tipi di raduni , decisamente più tecnici rispetto alla semplice uscita diciamo a “carovana” permettono spesso ai compagni di viaggio di avere un ruolo attivo e fondamentale per la riuscita delle varie prove .

Le classifiche vengono a sua volta stilate in  base alla strumentazione che si utilizza , cronometri digitali o analogici ed epoca del mezzo

Ovviamente il tutto deve essere sempre visto , con il giusto aspetto ludico , per non perdere il senso dello stare assieme, anche se vi posso assicurare l’agonismo non manca !

 

23 luglio PIZZOLO DAY

Un occasione per passare qualche ora assieme , l’evento che non vuole essere definito raduno, ma appunto un semplice incontro diciamolo anche giro pizzolo , è stato volutamente organizzato nelle ore serali, per permetterci di uscire i nostri mezzi d’epoca con temperature gradevoli .

La stessa cena che avrà luogo a Sortino – SR sarà all’aperto con tanto di Luna Piena  !

Il pizzolo è un piatto tipico Siracusano e nello specifico proprio del territorio di Sortino e come tutti i piatti della tradizione spesso portano alla condivisione  , infatti si è soliti prendere vari tipi farciti in modo diverso in modo da averne tutti la possibilità di assaggiarne le varie combinazioni di sapori

Per rendere più stuzzicante la serata , la località è diciamo segreta , si arriverà tramite apposita mappa , anche se vi assicuro sarà molto semplice

A questo punto non resta che preparare per benino le nostre auto e moto

 

Primi approcci organizzativi

Ok è estate, dentro le nostre auto fa troppo caldo , non abbiamo aria condizionata ne servosterzo, quindi cosa fare ..organizziamo una bella notturna , certo chiamarla manifestazione è un parolone , ancora siamo molto acerbi ed abbiamo tanto da imparare ma proviamo almeno ad incontrarci una sera  ed ecco che la macchina organizzativa, nel nostro caso sarebbe meglio dire il triciclo organizzativo scatta  quindi rimanete sintonizzati a brevissimo locandina …

Per adesso solo qualche simpatica anteprima del percorso dove per l’occorrenza proveremo anche a buttare giù un piccolo e semplice radar della manifestazione

 

 

7 Maggio 2017

L’idea comincia a prendere forma ,,, ci si rivede una domenica mattina di Maggio ,  questa volta facciamo un giretto fino a Carlentini . SR dove ci si ferma a prendere un caffè con le auto a far bella mostra di se ,  auto fra loro molto diverse ma ognuna con una storia da raccontare , Due Fiat  la mitica 1100 ed una Ritmo tutta originale e conservata , una Ferrari ed un Alfa Romeo

 

Gli albori Ottobre 2016

Ecco una foto di quello che si potrebbe definire la preistoria di Bielle Ruggenti, un modo di incontrarsi, un gruppo di persone, che capiscono di avere una passione in comune di risiedere in un territorio che offre la possibilità di usare i propri  mezzi per 10 mesi l’anno e la voglia di fare

non era un raduno, si sono avvicendati gli artefici , l’amico  Michele per lavoro è dovuto partire , ma Salvo oggi nostro Vicepresidente accompagnato da tanta passione si adopera costantemente , non era una manifestazione un semplice incontro informale , ma che ha gettato le basi probabilmente per iniziare un qualche cosa che ancora non si sa dove ci porterà , forse da nessuna parte o chissà , ma intanto siamo partiti , così quasi per scherzo ma oggi siamo qua che cerchiamo di programmare i nostri primi eventi